Casentino

Il Casentino è una delle quattro vallate principali della provincia di Arezzo, situato a nord della provincia, è la valle in cui scorre il primo tratto del fiume Arno, che nasce dal monte Falterona (1654m s.l.m). Il Monte Falterona, assieme al monte Falco (1658 m s.l.m.) costituisce infatti il limite settentrionale della vallata ai confini con la Romagna. L'Alpe di Serra e l'Alpe Catenaia separano ad est il Casentino dall'alta Val Tiberina. A Ovest il massiccio del Pratomagno lo separa dal valdarno Superiore e dal nostro mulino. I rilievi occidentali del complesso del Monte Falterona, infine, lo separano dalla valle dal Mugello. Dal punto di vista amministrativo la vallata è ripartita in 13 comuni facenti parte dell'unione dei comuni del Casentino:  Bibbiena, Capolona, Castel Focagnano, Castel san Niccolò, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Ortignano Raggiolo, Pratovecchio, Stia, Subiano, Talla e Poppi che fa parte del club dei "comuni più belli d'Italia".

Le caratteristiche peculiari del territorio sono probabilmente una delle cause che hanno indotto Francesco d'Assisi a scegliere la Verna  come luogo di preghiera e San Romualdo a fondare l'eremo di Camaldoli.

Nel Casentino figurano anche diversi punti di interesse artistico e soprattutto religioso, oltre  "I Castelli del Casentino" di particolare interesse sono la Pieve romanica di Romena nel comune di Pratovecchio, il Santuario della Verna, il Monastero di Camaldoli, l'Eremo di Camaldoli e il santuario-monastero di Santa Maria del Sasso presso Bibbiena.

La valle ha visto contrapporsi le popolazioni dei Longobardi, dei Goti e dei Bizantini che hanno attestato la loro presenza sul territorio con fortificazioni a partire dall'alto Medioevo, tra i meglio conservati il castello di Poppi.


Come arrivare:
In macchina: circa 30 minuti